Perisic, rinnovo o addio? La situazione dell’esterno croato

Pubblicato il autore: Mattia Passariello Segui


Ivan Perisic è uno dei veterani e degli uomini fondamentali dell’Inter di Simone Inzaghi. L’esterno croato sta disputando una stagione di altissimo livello, ma ha il contratto in scadenza nella prossima estate. Sembra però essersi riaperta, nelle ultime settimane, la possibilità di un rinnovo contrattuale.

Perisic, a breve incontro con l’Inter per discutere il rinnovo

L’esterno croato sembrava ormai destinato a lasciare i nerazzurri alla fine della stagione in corso, tanto che fino a un mese fa non sembravano esserci spiragli per il rinnovo. Il giocatore stesso, del resto, non aveva fatto mistero di gradire un ritorno in Germania o nella natia Croazia per chiudere la carriera. Anche l’Inter sembrava ormai rassegnata a perdere Perisic e anzi ingolosita dalla prospettiva di sostituire il croato con un giocatore più “futuribile” ed eventualmente dall’ingaggio più basso.

Leggi anche:  Simone Inzaghi: "Volevamo questi quarti di finale. Sensi? Finchè indossa la maglia dell'Inter..."

Poi però le prestazioni eccellenti del giocatore, anche oltre le aspettative, hanno convinto i nerazzurri a ripensarci. Vale davvero la pena di lasciare andar via a zero un giocatore già “testato”, che conosce benissimo l’ambiente, punto di riferimento nello spogliatoio e, soprattutto, che sta dimostrando con i fatti di essere non soltanto utile ma fondamentale? L’Inter sta riconsiderando fortemente la situazione, perché Perisic sta dimostrando di valere come una priorità. E gran parte del merito, oltre che al giocatore, va certamente all’ex tecnico interista Antonio Conte, oltre che a quello attuale Simone Inzaghi.

Ecco dunque che la partita per il rinnovo si riapre. Lo stesso Perisic, nella conferenza stampa pre-Real Madrid di ieri, ha confermato che è in programma un incontro con l’Inter per discutere del futuro. Il croato, però, non è disposoto a scendere sotto la soglia dei 5 milioni di euro annuali d’ingaggio che guadagna attualmente. Le esigenze dell’Inter sarebbero differenti in questo senso, ma non è escluso che le parti si possano incontrare a metà strada.

  •   
  •  
  •  
  •