Roma: meglio arrivare quarti o vincere la Conference League? Mourinho dice la sua…voi che ne pensate?

Pubblicato il autore: Andrea Milano


La domanda che attanaglia il tifoso romanista non è da poco. Sarebbe meglio riuscire ad arrivare quarti in campionato e conquistare l’accesso ai gironi di Champions League o riuscire a vincere la Conference League? Beh, la risposta non è poi così scontata, anzi. Arrivare quarti in campionato vorrebbe dire ritornare nella massima competizione europea per club, dove la Roma manca dalla stagione 2018, quella dell’impresa col Barcellona nella gara di ritorno per capirci meglio, e dell’altra impresa sfiorata contro il Liverpool in semifinale. Per cui sanno bene di cosa si parla all’interno della società giallorossa e che valore ha sentire di nuovo la famosa musichetta della Champions. Ma anche vincere un trofeo internazionale non sarebbe di poco conto. Trovare una risposta non è affatto facile, un grattacapo di difficile risoluzione.

Leggi anche:  Juventus, si dimette l'intero CdA: finita l'era Agnelli! Il motivo e i dettagli

Meglio la Conference o un ritorno in Champions per la Roma

Premesso che non si può scegliere perchè è sempre il campo a dire l’ultima parola, il nostro è solo una sorta di interrogativo senza nessun altro scopo. La Roma dopo essere tornata dalla Norvegia con una sconfitta immeritata nei quarti di finale di andata della Conference League, si prepara alla gara di ritorno per ribaltare il risultato e arrivare a giocarsi una eventuale semifinale. Intanto nel mezzo, domani all’Olimpico arriverà la Salernitana, ultima in classifica in Serie A. La Roma dovrà fare un solo boccone dei campani per continuare ad alimentare il sogno rimonta nei confronti della Juventus, attualmente quarta e impegnata nella difficile trasferta di Cagliari in questa giornata. Proprio con la Juve i giallorossi si contenderanno l’ultimo posto Champions disponibile. Non ricordate ai tifosi della Roma il maledetto Roma-Juventus, la clamorosa rimonta da 3-1 a 3-4 dei bianconeri, che potrebbe avere una valenza fondamentale nella rincorsa al quarto posto. Ma non è il momento di ricordi e calcoli per nessuno, la squadra di Mourinho dovrà incamerare i 3 punti in palio domenica contro la Salernitana e poi ribaltare la qualificazione contro il Bodo il 14 aprile all’Olimpico, cosa assolutamente fattibile. In conclusione, scegliere tra un quarto posto e un trofeo nuovo, internazionale, che manca da anni e anni nella bacheca giallorossa è impossibile a mio avviso. Nessun calcolo, testa bassa e guardare dritti all’obiettivo partita dopo partita. Voi che ne pensate? Mourinho sulla Conference League la pensa così, queste le sue parole: “Tante volte sono arrivato ai quarti in carriera e la sensazione è sempre la stessa. Tutte le squadre, anche quelle più deboli sulla carta puntano ad arrivare in finale arrivate a questo punto. Noi abbiamo tanta motivazione, così come ce l’avranno loro”.

  •   
  •  
  •  
  •