Gosens: “Qui felice, l’Inter merita il vero Robin”. E oggi c’è la sua Atalanta

Pubblicato il autore: Mattia Passariello


Robin Gosens 
è uno che Atalanta-Inter la conosce bene e la “sente” parecchio. Col nerazzurro di Bergamo l’esterno tedesco ha trascorso cinque anni memorabili, in continuo crescendo. Col nerazzurro di Milano le cose non stanno andando esattamente allo stesso modo, ma l’ex atalantino, che ha incassato la mancata convocazione ai mondiali di Qatar con la Germania, ha lanciato un altro messaggio con il gol al Bologna. La condizione sta forse tornando: tornerà definitivamente anche il vero Gosens?

Gosens: “L’Inter merita il vero Robin”

Il calvario legato al lungo infortunio ha fin qui impedito a Gosens di dimostrare il suo valore con la maglia dell’Inter. I progressi fisici e tecnici del tedesco sono stati fin qui molto lenti, inframmezzati soltanto da qualche lampo promettente come il gol al Camp Nou o quello al Bologna che ha chiuso la goleada del turno infrasettimanale scorso. Prima della fine del mercato estivo si era parlato addirittura di un possibile trasferimento in patria, al Bayer Leverkusen. Gosens, però, vuole giocarsi le sue carte all’Inter. Di fatto, è come se non fosse ancora mai davvero arrivato.

Leggi anche:  Bove: "Futuro? Sto benissimo qui, poi vedremo. Esperienza in Giappone bellissima"

Io voglio dimostrare ed essere quello che sono sempre stato: i tifosi e la società che ha sempre mostrato grande fiducia in me si meritano il vero Robin“, ha dichiarato l’esterno ai microfoni di DAZN. Domani difficilmente partirà titolare, specie considerando lo strepitoso momento di forma di Federico Dimarco. L’esterno milanese ha di fatto conquistato di prepotenza la titolarità sull’out sinistro e la spettacolare doppietta contro il Bologna ha sigillato il posto, almeno per ora.

Un Gosens fisicamente ritrovato, però, può rivelarsi arma preziosa per Inzaghi in chiave rimonta scudetto e il mese e mezzo di sosta che il tedesco si trova di fronte può essere un’occasione propizia per consolidare la ritrovata integrità fisica. Non tutte le convocazioni mancate, forse, vengono per nuocere.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: