Lotito su Milinkovic-Savic: “Applausi? Non me ne frega niente, la Juve..”

Pubblicato il autore: Mattia Passariello

Milinkovic-Savic, futuro a Torino sì o no? Il serrato corteggiamento bianconero al centrocampista serbo, che ormai perdura da tempo, ha trovato un appoggio negli applausi che i tifosi juventini hanno tributato al giocatore laziale all’uscita dal campo durante il match tra Juve e biancocelesti di domenica scorsa. Ma si tratta di una strada davvero percorribile per la Juventus?

Milinkovic-Juve, Lotito categorico: voglio 100 milioni

Il presidente laziale Claudio Lotito appare irremovibile: “Non lo vendo, e non me ne frega nulla degli applausi. Contano i soldi, portino almeno 100 milioni per vederlo in bianconero” – le parole rilasciate dal numero uno biancoceleste al Messaggero. Le richieste di Lotito hanno rappresentato, nel recente passato, un deterrente per molti club interessati al giocatore, tra cui il Manchester United, l’Inter, il Milan e la stessa Juventus. In più, ci sarebbe da capire come il tecnico laziale Maurizio Sarri prenderebbe la cessione di uno dei giocatori più importanti della rosa.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: dalla cessione alla permanenza in nerazzurro, decisione presa dai nerazzurri

Milinkovic-Savic viene da un ottimo inizio di stagione, ma ha disputato una gara piuttosto opaca in casa della Juventus domenica scorsa. Inoltre, il centrocampista ha gravi e dirette responsabilità sul primo gol realizzato dalla squadra di Allegri nel 3-0 finale sulla Lazio all’Allianz Stadium. Ma la prestazione non ha certo intaccato né il valore del giocatore né, soprattutto, le attenzioni che la Vecchia Signora sta da diverso tempo indirizzando verso il centrocampista classe 1995.

Lo scorso weekend, Lotito ha trattato il rinnovo contrattuale di Milinkovic-Savic con Mateja Kezman, l’agente del calciatore della Lazio. L’accordo andrà certamente trovato entro la fine del prossimo mercato, magari attraverso una clausola. La Juventus è spettatrice interessatissima: il centrocampo ha beneficiato della crescita dei giovani (tra cui Fagioli e Miretti), ma c’è bisogno di un nome di peso. Affiancare Milinkovic-Savic ad un Pogba nuovamente in pianta stabile è il sogno proibito del quartier generale di Madama.

  •   
  •  
  •  
  •