La Lazio condanna gli ululati contro Umtiti e Banda: il comunicato

Pubblicato il autore: Giuseppe Visco


Il nuovo anno porta solitamente buoni propositi, quelli di alcuni tifosi della Lazio sono durati poco meno di 72 ore. Lo ‘spettacolo’ andato in scena al Via del Mare, purtroppo, continua a ripetersi nonostante vengano fatte campagne di sensibilizzazione contro il razzismo. I cori razzisti verso Umtiti e Banda hanno costretto l’arbitro di Lecce-Lazio a sospendere la partita per due minuti e immediatamente sui social sono arrivati messaggi di solidarietà ai calciatori da parte del mondo dello sport. La Lazio ha preso posizione, condannando l’accaduto.

Lazio: ‘condanniamo i cori razzisti verso Umtiti e Banda’

La società biancoceleste, tramite un comunicato ufficiale, condanna quanto successo ma chiede di non fare di tutta l’erba un fascio: “Durante la partita Lecce-Lazio, l’arbitro è stato costretto ad interrompere la partita a causa di ululati razzisti nei confronti di un giocatore della squadra di casa. La S.S. Lazio ha sempre contrastato con tutti i mezzi a disposizione ogni forma di razzismo e discriminazione, mettendo in campo iniziative volte a reprimere tali fenomeni, sensibilizzando i propri tifosi su questo tema e agendo nelle sedi preposte a tutela della propria immagine. La S.S. Lazio anche oggi condanna chi si è reso protagonista di questo gesto deprecabile, vergognoso e anacronistico e offrirà come sempre la massima collaborazione alle autorità per individuare i responsabili. I tifosi della Lazio non sono razzisti e non possono essere associati a pochi individui che ledono gravemente l’immagine del club.”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A, dove vedere Roma-Empoli: diretta tv e streaming live
Tags: ,