Lotito: "Partita priva di valori sportivi. Con gli arbitri non parlo, ci faremo valere nelle sedi..."

Le dichiarazioni post partita del presidente della Lazio, Claudio Lotito, al termine del match perso contro il Milan per 1-0. I biancocelesti si sono molto lamentati dell'arbitraggio del brindisino Di Bello che ha espulso tre giocatori della squadra capitolina.

Questa sera allo stadio "Olimpico" di Roma si è disputato l'anticipo della 27.a giornata del campionato di Serie A tra Lazio-Milan che ha visto la squadra rossonera vincere per 1-0, grazie alla rete di Okafor al minuto 88. La squadra biancoceleste ha chiuso la gara in otto uomini, a causa della tre espulsioni comminate a Pellegrini al 57', Marusic al 94' e Guendouzi al 98'. Alla fine della partita, in casa Lazio, ha parlato il presidente Claudio Lotito che ha usato toni forti nei confronti dell'arbitro Di Bello.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Jeda: "Europei? Germania e Francia sono le squadre da battere. L'addio al calcio di Ranieri mi ha spiazzato"

Claudio Lotito, le sue parole

"Devono essere altri organismi preposti a valutare, manca l'affidabilità del sistema. Ci devono essere figure terze per i valori dello sport per porre fine a queste situazioni incresciose. C'è un limite oltre il quale non si deve andare. Vengo io a parlare per evitare che vengono strumentalizzate le parole. Ci faremo valere nelle sedi preposte".

"Non ci sono le condizioni per trovare un punto di incontro. Con gli arbitri non parlo, Di Bello non so chi sia, ho visto come ho arbitrato però. E' giunto il momento che la Lega abbia una conduzione terza al di fuori del sistema. Non posso rimproverare nulla alla squadra. Nella vita ci sono dei valori, qui parliamo di sport, di rispetto delle regole e del merito, cose che sono venute meno".

Leggi anche:  Cagliari: c'è l'addio al calcio di Ranieri. Tentativo per Juric?

"I confronti con Sarri e altri collaboratori non sono mai per dividere. Ma i risultati non dipendono da noi, ma da fattori esterni e bisogna agire nelle sedi opportune. Massima fiducia in Sarri. Alla squadra ho detto che bisogna guardare avanti, non hanno responsabilità. Bisogna far rispettare le regole. So con quali mezzi istituzionali intervenire. Un messaggio ai tifosi? Abbiate fiducia nei comportamenti della società, sono amareggiati, chi ha visto la partita sa come sono andate le cose. Dobbiamo pensare al futuro sperando che questi episodi non si ripetano, anche se non è la prima volta. Non è giustificabile quello che è accaduto stasera, le regole le devono rispettare tutti. Questa è stata una" partita priva di valori "sportivi. Non parlo con il rammarico della sconfitta, metteremo in modo un meccanismo per il rispetto delle regole".

Leggi anche:  Cagliari-Fiorentina, probabili formazioni: le scelte di Ranieri e Italiano