Tudor: "L'Europa League è un bel traguardo. Vogliamo fare una squadra forte, su Kamada vedremo se..."

Le dichiarazioni del tecnico biancoceleste, Igor Tudor, dopo il pareggio casalingo per 1-1 contro il già retrocesso Sassuolo, che ha onorato la sua ultima partita di campionato. Biancocelesti comunque qualificati per la prossime edizione di Europa League, grazie al settimo posto.

Questa sera allo stadio "Olimpico" si è disputata la sfida per l'ultima giornata di campionato tra Lazio-Sassuolo, terminata sul risultato di 1-1, con le reti di Zaccagni al 60 e Viti al 66'. Con questo pareggio la squadra capitolina ha finito la sua stagione al settimo posto con 61 punti, qualificandosi alla prossima edizione di Europa League, mentre gli emiliani, penultimi con 30 punti, disputeranno dopo undici anni, il campionato di Serie B.

Di seguito vi proponiamo le parole del dopo partita dell'allenatore della squadra capitolina, Igor Tudor.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Ighli Vannucchi: "Grande sfida tra Thiago Motta e Conte. L'Inter la più completa, avrei tenuto Pioli. Kvaratskhelia? Mi blinderei al Napoli..."

Igor Tudor, le sue parole post Sassuolo

"L'Europa League è un bel traguardo, meritato. In due mesi e mezzo abbiamo fatto un bel percorso che si è concluso con il punto di oggi. Sicuramente c'è da lavorare, abbiamo aprlato con la società e lo faremo ancora. Lavoreremo insieme, facendo le cose giuste per migliorare. Su Daichi non ci sono novità, vediamo se ci saranno in questi giorni".

"Ci sono tanti margini di miglioramento. C’è gente perfetta per tutto, gente che si può adattare e gente meno perfetta. Io mi sono adattato, ora con la società si deve fare la squadra per un certo tipo di calcio che è diverso da quello precedente. Ora ci metteremo a costruire. Vedo in tutti i reparti la possibilità di migliorare. Ci metteremo là, vogliamo fare una Lazio giusta e migliore possibile. C’è l’Europa League oltre al campionato, vogliamo fare una squadra forte con le caratteristiche per questo calcio".

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Ighli Vannucchi: "Grande sfida tra Thiago Motta e Conte. L'Inter la più completa, avrei tenuto Pioli. Kvaratskhelia? Mi blinderei al Napoli..."

"Abbiamo commentato io e il mio assistente prima di venire qui, è stata una cosa straordinaria anche oggi, molto emozionante. Mi piace. Non sembra ma non sono come mi vedete qua, sembro più duro di quello che sono. Con Sven abbiamo scambiato due parole. Ha chiesto a Ciro quanti gol ha fatto, è stato bello". Su Kamada non ci sono novità, vedremo in questi giorni se c’è qualcosa da vedere".