Douglas Costa: “Non so più cosa fare a casa”. E intanto qualcuno lo chiama

Pubblicato il autore: Paolo Russo Segui


Che Douglas Costa abbia una passione per il pallone è risaputo. Da buon brasiliano, basterebbe anche solo vederlo giocare in campo. La corsa e la danza che compie sul pallone e attorno ad esso, lasciano senza fiato i tifosi di tutta Europa. La Juventus ricorda bene cosa ha passato a Monaco di Baviera nella Champions League 2015/16, anche grazie alla sua rapidità, ai suoi scatti, ai suoi dribbling. E di fatti lo ha acquistato, dopo essere rimasta incantata da lui. Ma dopo tre stagioni a Torino, diversi fattori lo stanno allontanando dalle sponde del Po e qualcuno già da tempo si è fatto avanti.

Douglas Costa, brasiliano vecchio stile

Douglas Costa è uno di quei giocatori che quando lo vedi finalmente sul campo, ti dimentichi per un attimo del risultato della partita e pensi solamente a rilassarti, guardando del buon calcio in vecchio stile brasiliano, come non si vede da un po’. Ti assale un po’ di nostalgia per quei Ronaldo, Ronaldinho e compagnia bella (anzi, bellissima) che spingevano la bellezza del calcio ai limiti dell’incredibile. La Juventus, che mai ha assaporato un gioco del genere nella sua storia a differenza di Milan ed Inter, stavolta non se l’è fatto scappare e ormai da tre anni il giocatore carioca scende in campo con la maglia bianconera a far girare la testa ai giocatori avversari.

Aria di addio con la Juventus

Ma le strade di Douglas Costa e la Juventus sembrano arrivate alla separazione. La Juventus deve fare i conti con il suo bilancio e con il rinnovamento per la prossima stagione, soprattutto a centrocampo. Douglas Costa, invece, sebbene pare stia più che bene a Torino, ha sicuramente tutto il diritto e la voglia di giocare di più. Certo, gli infortuni hanno fatto la loro parte: troppo spesso la Juventus ha dovuto fare a meno di lui e questo potrebbe essere uno dei motivi che spingerebbe il club bianconero a dirgli addio, cercando ovviamente un rimpiazzo di qualità.

Le corteggiatrici di Douglas Costa

A farsi avanti già a gennaio era stata la sua vecchia squadra, il Bayern Monaco, che lo rivorrebbe nel suo centrocampo. Ma anche il Paris Saint-Germain si era fatto sotto. L’unico motivo per cui Douglas Costa non è partito è stato il muro che ha opposto la Juventus che ha ben compreso quanto fosse necessario un elemento del genere tra le fila di Maurizio Sarri.

Ma il PSG oggi deve fare i conti con tante partenze, probabili o meno che siano: Neymar, Mbappé e Di Maria su tutti. Leonardo ha visto in Douglas Costa l’erede naturale di Angel Di Maria, che sicuramente lascerà Parigi a fine stagione. Il PSG vuole mettere sul piatto la cifra di 30 milioni, ma la Juventus difficilmente scenderà a compromessi sapendo che dai parigini può pretendere di più e che può pretendere di più per un giocatore di questo calibro. Quindi i bianconeri partiranno sicuramente da una cifra non inferiore ai 40 milioni.

La vita senza calcio

Intanto Douglas Costa non vede l’ora di tornare in campo, come tanti altri calciatori, e su Instagram si è lasciato andare: “Spero che il campionato riparta presto, magari tra un mese.” Insomma, il brasiliano c’è e ha voglia ancora e più che mai di mettersi in gioco, dato il futuro che lo attende. Poi continua: “Mi alleno tutti i giorni, ma non so più cosa fare in casa. Sono a casa con la mia famiglia, passo molto tempo insieme ai miei cari. Mi auguro di ripartire a breve.”

  •   
  •  
  •  
  •