LIVE Coronavirus Serie A, incontro Figc-Governo. Spadafora: “Serie A ricomincia il 20 giugno, spero prima Coppa Italia”

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui


C’è grande attesa per l’incontro Figc-Governo e le Leghe di Serie A e Serie B per decidere se e quando ripartiranno i campionati, in programma a Roma oggi con la presenza del presidente Gravina, del ministro Spadafora e dei rappresentanti delle Leghe. Una cosa però è già saltata all’occhio: con un giorno d’anticipo la Federcalcio ha consegnato al Comitato Tecnico Scientifico e al Ministro dello Sport e delle Politiche Giovanili il protocollo per le gare del campionato di Serie A, Serie B e Serie C.

Il fatto che la Figc abbia consegnato con un giorno d’anticipo il protocollo per le gare di campionato è solo la prima di una serie di tappe e di scadenze importanti: quella principale è rappresentata dall’incontro al vertice di giovedì 28. Le parti sembrano intenzionate a riprendere il campionato, anche se ci sono una serie di punti da definire. Intanto, nella giornata di martedì è andato di scena il consiglio di Lega che ha definito le linee guida per il nuovo calendario, visto che vanno ancora disputate dodici giornate e quattro recuperi, oltre alla Coppa Italia. Infine il 3 giugno è in programma un’ulteriore Consiglio Federale, in potrebbe essere definita, finalmente, la data di ripartenza del campionato. Noi di SuperNews seguiremo per tutta la giornata l’ incontro Figc-Governo con una diretta LIVE!

AGGIORNA IL LIVE CON GLI AGGIORNAMENTI DELL’INCONTRO FIGC-GOVERNO

LIVE Serie A: aggiornamenti in tempo reale oggi 28 maggio dell’incontro Figc-Governo-Lega Serie A e B

 

19.50 – Spadafora: “La Serie A ricomincia il 20 giugno, spero prima la Coppa Italia”. Concluso anche l’incontro con Conte, il Ministro Spadafora ha annunciato le date della ripresa del campionato di Serie A.
19.15 
– Terminato l’incontro tra il Ministro Spadafora, il presidente della FIGC Gravina e i rappresentanti di Assocalciatori, Aia e Lega Serie A. Tra poco incontro con il premier Conte.

19.10 – Sensazioni positive dal summit tra Spadafora e le componenti della FIGC: dovrebbe arrivare il sì alla ripresa del campionato. Tra pochi minuti l’incontro dovrebbe terminare, con l’annuncio del ministro per lo Sport.
18.31
È iniziato pochi minuti fa l’ incontro in video call tra il Ministro Spadafora, il presidente della FIGC Gravina e i rappresentanti di Assocalciatori, Aia e Lega Serie A.
18.00
 – Ok del Comitato tecnico-scientifico alla ripresa della Serie A. Come riportato dall’Ansa, il Cts ha dato il suo ok al Protocollo presentato dalla FIGC per la ripresa delle partite, non rilevando criticità, anche perché resta la quarantena di tutta la squadra in caso di positività di un giocatore o di un membro dello staff.

15.58 – Figc, parla il presidente Gravina: “La nostra esigenza di ripartenza è consacrata all’interno del nostro DNA: ci chiamiamo Federazione Italiana Giuoco Calcio. Per me è stata una parentesi di grande tristezza, e lo farò presente, constatare che nel mondo del calcio alcuni facciano di tutto per non giocare, convinti che così non pagherebbero alcune mensilità ai propri tesserati. È un gioco perverso quello di una società che non vuole giocare per limitare i danniSo quanti italiani pensano che non si debba giocare: capisco che sarà triste vedere le partite a porte chiuse, ma se riparte l’economia del nostro Paese non può non ripartire una delle sue industrie più importanti“.
12.01
– Damiano Tommasi, presidente dell’ Assocalciatori, ha parlato poco fa durante una diretta Facebook sul sito de Il Mattino: “Viviamo in un Paese dove il problema pandemia non è risolto, quindi credo sia normale evidenziare le criticità che vanno affrontate e risolte. Una delle criticità maggiori che speriamo di risolvere è la partita alle 16.30, che in Italia a giugno e luglio non è pensabile”.

11.03 – Ed in caso di definitivo stop al campionato? Playoff o classifica cristalizzata? Come riportato da Tuttomercatoweb.com gran parte delle 20 società di Serie A continuano a considerare l’ipotesi playoff/playout una soluzione remota e comunque non gradita. La FIGC sta pensando quindi all’istituzione dei playoff nel caso in cui si dovesse andare incontro ad un nuovo stop a causa dell’epidemia, ma l’ipotesi è sempre più di difficile attuazione. Di conseguenza la soluzione sarebbe questa: classifica cristallizzata al momento esatto dello stop definitivo, lo scudetto lo vincerebbe chi è in testa in quel momento e via a cascata posti Champions, Europa League e le tre retrocesse.
11.02 – Quale potrebbe essere il calendario della Serie A, in caso di ripartenza? Come riportato da Tuttomercatoweb.com sono quattro le ipotesi al vaglio: la prima riguarda la ripartenza con i recuperi del 25° turno, la seconda ipotesi prevede subito la 27° giornata da giocare e a seguire i recuperi, non ancora calendarizzati dalla Lega. L’ultima ipotesi, la più difficile, è emersa oggi, con il ministro Spadafora che spingerebbe per il 20 ma la Lega insisterà almeno per dare il via il 16 coi recuperi.
10.37 – Caso di sospetta positività al Bologna, comunicato ufficiale del club: “Il primo test di controllo effettuato sul componente del gruppo-squadra il cui ultimo esame aveva evidenziato un risultato dubbio ha dato esito negativoNelle prossime ore verrà effettuato un ulteriore e definitivo esame di approfondimento. In via precauzionale comunque l’allenamento di oggi sarà in forma individuale“.
08.24
 – C’è anche molta attesa per capire se il caso di sospetta positività di un membro dello staf del Bologna possa influire sull’eventuale ripartenza dei campionati professionistici. Una cosa è certa: come pubblicato da diversi giornali in edicola oggi, il sospetto positivo non sarebbe Sinisa Mihajlovic.
08.00
– Ci siamo, oggi è il giorno della verità. Questa sera, alle 18.30, conference call tra il Ministro Spadafora e tutte le componenti Federali guidate dal Presidente Gravina. Sul tavolo il calendario della ripartenza, gli orari, le dirette tv e il tema quarantena.

  •   
  •  
  •  
  •