Sconcerti: “Maldini rappresenta la storia del Milan ma non la interpreta. Gazidis? Comanda un mondo che non conosce”

Pubblicato il autore: gaetanomasiello91 Segui

Mario Sconcerti nel consueto appuntamento quotidiano con Calciomercato.com ha analizzato la situazione attuale del Milan approfondendo la figura di Gazidis nel Milan attuale incentrandosi anche sulla bandiera rossonera, Paolo Maldini. L’ex difensore del Milan vorrebbe restare nella società rossonera ma questo è ancora da decidere.

Sconcerti, il suo pensiero sul Milan attuale

Sconcerti analizza il momento del Milan e si focalizza su Maldini e Gazidis. “Gazidis aspetta la scelta di Maldini ma non gli darà mai in mano la squadra. Maldini serve come uomo bandiera controparte italiana in una società di stranieri, è un leader silenzioso, parla meno di Gazidis, rappresenta la storia ma non la interpreta. Il Milan di Elliot non ha voce, non ha faccia, se anche costruisce resta un segreto. Maldini non è uomo da difesa popolare, nemmeno Pioli lo è, Gazidis è una cornice, resterebbe incompleto anche se fosse bravissimo, comanda un mondo che non conosce, cerca solo chi gli copre il fianco. All’Arsenal aveva Wenger, la sua vita da grande tecnico alle spalle, Wenger era un uomo di campo, rischiava per tutti. Maldini è un principe, aiuta poco se stesso e ancora meno Gazidis. L’errore è stato lasciando dal vuoto degli ultimi anni di Berlusconi, passando per i cinesi e arrivando al Milan attuale che perde 165 milioni all’anno ma il Milan non è di nessuno”.

  •   
  •  
  •  
  •