Diritti tv, Apollo e Jp Morgan interessate alla Serie A?

Pubblicato il autore: Gaetano Masiello Segui

Diritti tv, la Serie A cerca di guardare al futuro. Oggi martedì 26 maggio è una giornata molto importante, infatti Sky e Dazn dovrebbero pagare i 233 milioni di euro riguardante l’ultima tranche ma se ciò non dovesse accadere la questione si sposterebbe in tribunale. Intanto il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora sta spingendo per la “diretta goal” in chiaro per permettere ai tifosi di guardarsi le partite comodamente da casa in modo da evitare pericolosi assembramenti. Nonostante al momento non si ha certezza di come e se ripartirà la stagione 2019-2020, la Serie A si sta portando avanti pensando all’assegnazione dei prossimi diritti tv.

Diritti tv, nuovi fondi interessati alla nostra Serie A

L’assegnazione dei prossimi diritti tv è tutta da vedere in un periodo complicato legato all’emergenza Coronavirus. Infatti il prossimo bando sarà importante in modo particolare per i club che hanno intenzione di massimizzare i ricavi dei diritti anche per le difficoltà riscontrate in questo periodo. Infatti è da prendere in considerazione il fatto che Cvc sarebbe pronta a subentrare a Sky e Dazn con una quota da rilevare per il 2021 e i prossimi 10 anni. Il fondo avrebbe un’esclusiva fino a metà giugno prorogabile per due settimane e l’obiettivo sarebbe quello di ispirarsi al modello Nba, ovvero valorizzare e centralizzare la commercializzazione dei diritti tv e altri diritti collettivi. Ma è difficile al momento dire se questo andrà in porto anche perchè c’è da prendere in considerazione la rigidità della Legge Melandri. Secondo Il Sole 24 Ore in questi mesi si sono fatti avanti tra i 6 e i 7 fondi interessati alla nostra Serie A con progetti simili a quello di Cvc, tra questi spuntano Apollo e Jp Morgan.

Leggi anche:  Dove vedere Campionati Italiani 2021: percorso, favoriti, streaming e diretta tv Rai Sport?

(fonte: www.calcioefinanza.it)

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: , ,