Milan, faccia a faccia tra Ibrahimovic e Gazidis

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui

Dopo l’esilio di due mesi in patria, finalmente ritorna in Italia Zlatan Ibrahimovic. Il giocatore svedese rientrerà domani mattina a Milano, per poi osservare, come da decreto, 15 giorni di quarantena, dove si allenerà in casa e sarà seguito via web dallo staff del Milan. Solo dopo le due settimane in isolamento, Ibrahimovic potrà tornare ad allenarsi a milanello. Ibra-cadabra era partito per la Svezia il 12 Marzo per raggiungere i propri familiare e per approfittarne delle misure meno serrate della propria nazione contro il Coronavirus. Questo ha permesso ad Ibrahimovic di potersi allenare con l’Hammaraby, squadra di cui possiede delle quote. Se tutto andrà bene il 25 maggio potrà tornare ad allenarsi e sarà inevitabile non parlare del suo futuro.

L’incontro di Gazidis e Jovic  Dopo che in questi due mesi ci sono state continue voci di un possibile addio del gigante di Malmoe, poi smentite, è arrivato il momento di capire quale sarà il futuro di Ibrahimovic. Infatti, dopo la fine della sua quarantena forzata, lo svedese incontrerà Gazidis per capire quale sarà il progetto Milan per la stagione 2020/21. Intanto la società rossonera cerca fortemente Jovic, attaccante del Real Madrid, attualmente infortunato. Questo obiettivo potrebbe riaccendere l’interesse di Ibrahimovic e convincerlo, quindi, a rimanere ancora al Milan. L’arrivo di Jovic non precluderebbe la permanenza di Ibra e vicevera. Ora la palla è in mano a Gazidis che dovrà cercare di convincere il fenomenale attaccante svedese a rimanere ancora una volta a Milano, seppur con un ruolo da non leader assoluto.

  •   
  •  
  •  
  •