Serie A, nessun accordo con Sky e Dazn per i diritti tv. Si finisce in tribunale?

Pubblicato il autore: gaetanomasiello91 Segui

Diritti tv, problema spinoso da risolvere. La questione diritti televisivi continua a tener banco visto e considerando che la Serie A è ferma dal 9 marzo e dopo l’annuncio della Figc che ha vietato le manifestazioni sportive sino al 14 giugno, è difficile comprendere se questo campionato venga portato a termine, salvo ipotesi playoff paventata dal presidente Gabriele Gravina. Lo scontro tra la Lega di Serie A e i broadcaster per i diritti tv non tende a placarsi.

Diritti tv, situazione al momento complessa e complicata

Diritti tv, i risvolti dell’ultimo incontro. Nell’ultimo incontro tra le due parti con la Lega di Serie A da una parte e i broadcaster dall’altra non si è arrivati ad ottenere un accordo. In effetti il “pomo della discordia” riguarda il pagamento dell’ ultima rata di circa 233 milioni di euro per i diritti televisivi che attualmente non è stata ancora versata. Secondo quanto riporta il Sole 24 Ore questa questione rischia di finire in tribunale considerando che sono i club a doversi muovere con le eventuali ingiunzioni di pagamento. Ma attualmente la Lega di Serie A e le emittenti televisivi restano sulle proprie posizioni.

Diritti tv, la posizione dei club di Serie A. “La Lega di Serie A ribadisce la necesità del rispetto delle scadenze di pagamento previste dai contratti per mantenere con gli stessi un rapporto costruttivo”.

Diritti tv, le proposte di Sky e Dazn. Sky vorrebbe uno scontro che oscillerebbe tra i 120 e i 255 milioni di euro per la prossima stagione, sempre legata a cosa accadrà all’attuale stagione. Dazn, invece, vorrebbe una dilazione e Img vorrebbe posticipare i pagamenti a luglio del 2020 ma le società non ci sentono su queste proposte.

CVC interessata ai diritti tv della nostra Serie A. Cvc sarebbe pronta a subentrare a Sky e Dazn con una quota da rilevare per il 2021 e i prossimi 10 anni. La quota in considerazione andrebbe dal 10 al 15% con una valutazione di circa 2,2 miliardi di euro. Quest’offerta sarebbe allettante in quanto CVC comprenderebbe un fondo per la costruzione e la manutenzione degli stadi e l’analisi di questa offerta sarebbe al vaglio di 6 settimane di esclusiva con la proposta che verrà valutata da 4 membri scelti tra i presidenti dei club della Serie A.

(fonte: calcioefinanza.it)

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: , ,