Roma in Conference League, Mou: “Voglio vincere la Coppa!”

Pubblicato il autore: Alessia Pina Alimonti Segui

Roma in Conference League
Mourinho non vede l’ora di iniziare la nuova avventura del terzo torneo europeo per club. Domani infatti c’è il debutto della Roma in Conference League, all’Olimpico i giallorossi affronteranno CSKA Sofia. In conferenza stampa il Portoghese ha manifestato tutto il suo entusiasmo per la nuova competizione e, ambizioso qual è, ha subito affermato di voler vincere la Conference League.  Mourinho, inoltre, ha ringraziato i tifosi per il loro affetto ed entusiasmo. Infine commenta la condizione di Zaniolo.

Mourinho: “Voglio vincere la Conference”

Non usa mezzi termini Mourinho per esprimere il suo desiderio di vincere questa nuova coppa europea. In conferenza stampa, infatti, con poca modestia ha detto: “Come assistente ho vinto una Coppa che non esiste più, la Coppa delle Coppe. L’ho vinta con il Barcellona nel 1997. Mi piacerebbe vincere la Conference, ma adesso siamo lontanissimi dal vincerla. Ma cercheremo di vincere. Mancano ancora tante partite, e non voglio essere bugiardo nel dire che non mi interessa vincere. Prima passiamo i gironi, poi vediamo“.

Leggi anche:  Sambenedettese-Fano, streaming e diretta tv in chiaro? Dove vedere Serie D

La Roma in Conference League, chi giocherà?

In conferenza stampa Mourinho frena i facili ottimismi a seguito delle tre vittorie consecutive in Serie A ma ammette che ha notato un miglioramento nella squadra. Il portoghese ha spiegato: “Non c’è ragione per essere ultra ottimisti e ultra positivi. I risultati positivi però sono importanti perché aiutano nel processo di crescita e di sviluppo della squadra. Si sente l’evoluzione a tutti i livelli ma dobbiamo essere tranquilli“. Il turnover non spaventa Mourinho che annuncia già dei cambi nella formazione. Ha spiegato: “I giocatori non sanno ancora chi giocherà. I giocatori sono intelligenti e capiscono le cose. Io non ho mai avuto una stessa squadra che inizia e finisce la stagione. La stagione è una strada tortuosa. I giocatori devono capire che senza di loro siamo morti, non possono giocare sempre gli stessi“.

Leggi anche:  Milan, il dopo-Ibrahimovic ha già un nome

Il portoghese elogia El- Shaarawy. Su di lui ha affermato: “Per me El Shaarawy è un giocatore importante, un titolare. Stephen sa che mi piacciono le sue caratteristiche, e che all’ inizio della stagione doveva tornare in forma: tra Cina e infortunio aveva perso intensità e dinamismo. Adesso sta crescendo“. Mourinho rassicura sulle condizioni di Zaniolo: “Sta bene, l’infortunio è passato, così come le sensazioni negative. Se un giocatore va in nazionale e gioca torna con condizioni fisiche ridotte. Questo lo abbiamo sentito con Zaniolo e con altri giocatori. Se ha recuperato potrà giocare ma non voglio parlare sempre delle condizioni di Nico“.

In attesa di vedere Roma- CSKA Sofia, il portoghese annuncia che giocherà Calafiori e non Vina. Alla domanda sui quattro centrali difensivi e a un cambio come Kumbulla Mou ha risposto a suo modo: “Se gioca Kumbulla e non gioca Mancini poi tu mi chiedi perchè non gioca quest’ultimo. O magari se non gioca Smalling magari pensi a un problema legato ai tempi di Manchester. Quattro centrali è il numero giusto. Sono contento del gruppo dei central, hanno caratteristiche ed età diverse. Domani non cambierà tutti e due i centrali“.

  •   
  •  
  •  
  •