Triplete Inter: 10 anni fa la Finale di Madrid

Pubblicato il autore: Demetrio Segui

Triplete Inter
Da 10 anni a questa parte il 22 maggio non è una data come tutte le altre per i tifosi nerazzurri. Legato a questa data c’è il ricordo della consacrazione, dell’entrata a far parte della Leggenda dell’allora squadra allenata da Josè Mourinho: 10 anni fa si completava il Triplete Inter nella magica notte di Madrid, una notte condita da tante lacrime al termine di una stagione che ha vissuto di alcuni passaggi fondamentali come la partita di Kiev.

Triplete Inter: la notte del Bernabeu

Inter e Bayern Monaco arrivano alla finale al termine di cammini incontrastati nell’arco della competizione. Cammini conditi da alcune polemiche che, però, non tolgono, alla vigilia, il giusto merito alle due squadre per essere arrivati a 90 minuti dalla vittoria finale. Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Chivu; Zanetti, Cambiasso; Pandev, Sneijder, Eto’o; Milito l’ 11 scelto da Josè Mourinho contrapposto al Bayern condito da campioni del suo mentore Louis Van Gaal. Già Mourinho e Van Gaal si ritrovano anni dopo a giocarsi, da avversari, una finale di Champions dopo che il portoghese, ad inizio carriera, era stato vice di Van Gaal al Barcellona. La partita è molto intensa, le azioni si susseguono da una parte e dell’altra, i due portieri sono protagonisti di interventi eccellenti a difesa della propria porta, ma, ad un certo punto, un protagonista dagli occhi di ghiaccio decide che quella deve essere la sua sera, come lo erano state le precedenti. Al 36′ il primo boato percorre la curva interista al Bernabeu collegandosi, attraverso un filo sottile, a Piazza Duomo gremita: il Principe Diego Milito ha portato avanti i nerazzurri al termine di un’azione in verticale caratterizzata da 3 passaggi che hanno portato il 22 a concludere a rete. Quando si annoia il destino si diverte a giocare creando incastri davvero spettacolari. Nella ripresa, l’Inter amminsitra andando vicino al gol con Pandev e trovando in Julio Cesar un ottimo guardiano a difesa del bottino. Al 70′ ancora il 22 riparte in contropiede dopo che Sneijder aveva recuperato una palla a centrocampo, finta a uncino, sul malcapitato Van Buyten e palla sul secondo palo. Match in ghiaccio, si aspetta solo il fischio finale per farsì che possa avere inizio la festa a Madrid, Milano, in Europa, nel Mondo, una festa attesa 45 anni. La mattina dopo 60.000 persone aspettano gli eroi del Triplete Inter a San Siro per il giro d’onore con la Coppa. Da quel giorno il 22 è un numero magico in casa nerazzurra, 22 maggio 2010 l’Inter entrava nella Leggenda trascinata da un gruppo coeso, un Presidente innamorato, un allenatore Special a modo suo e da un Principe diventato Re nella notte del Bernabeu. Numero di maglia? 22, manco a dirlo.

Triplete Inter: Campionato, Coppa Italia e Champions League vestite di nerazzurro.

  •   
  •  
  •  
  •