Fiorentina, Pioli vola nel nome di Astori: tris viola con il Torino

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
FLORENCE, ITALY - JANUARY 05: Stefano Pioli manager of AFC Fiorentina gestures during the serie A match between ACF Fiorentina and FC Internazionale at Stadio Artemio Franchi on January 5, 2018 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images © scelta da SuperNews )

Fiorentina, altra vittoria per la memoria di Astori. E sono tre, le vittorie consecutive per i viola. Gli uomini di Stefano Pioli battono anche il Torino e continuano a onorare al meglio il ricordo del capitano scomparso. La missione contro i granata di Mazzarri non era facile. Belotti e compagni venivano da un momento difficile e volevano riscattarsi davanti al proprio pubblico. Una partita in cui è successo un po’ di tutto. Gol, rigori sbagliati, capovolgimenti di fronte, fino al gol finale di Thereau. Une rete che consente alla Fiorentina di toccare quota 41 punti, a meno 9 dal sesto posto. L‘Europa League è una missione quasi impossibile, ma nel finale di stagione tutto è possibile. La scomparsa di Astori ha fatto scattare una molla emotiva in tutto l’ambiente viola. Uno shock che compattato squadra, società e tifosi. Solo qualche settimana fa c’era grande aria di contestazione, ora il pubblico viola è tornato a seguire la squadra con grande trasporto.

Leggi anche:  SKY o DAZN? Dove vedere Torino Sampdoria in streaming e in diretta tv, Serie A 9° giornata

Paradossi emozionali difficili da spiegare  con i numeri e la tattica. Una vittoria, come quella arrivata con il Torino, è il segnale di un gruppo di giocatori che vuole onorare al meglio il finale di stagione. Un’annata cominciata nel modo più complicato difficile, con tantissimi giocatori nuovi arrivati. Stefano Pioli sta confermando quello che tutti pensavano, di essere un grande uomo e un ottimo allenatore. I tifosi dell’Inter lo hanno salutato con affetto quando l’ex tecnico interista è tornato a San Siro da avversario. Dieci partite per chiudere al meglio un campionato che non ha ancora smesso di regalare emozioni. Anche alla Fiorentina.

Fiorentina, tornare grandi nel nome di Astori

Non basta, la Fiorentina che vediamo oggi non basta. I viola sono una delle grandi storiche del nostro calcio. I tifosi, la città di Firenze e la memoria di Davide Astori meritano una squadra più competitiva di quella attuale. Sia chiaro, i ragazzi viola stanno facendo il massimo, così come Pioli. Tocca ai Della Valle restituire la Fiorentina a non tanti antichi splendori. Durante l’era Montella i viola hanno sempre lottato per la Champions League o per l’Europa League. Il nono posto non può e non deve essere la dimensione adatta per la Fiorentina.

Leggi anche:  Calciomercato Milan, per gennaio Maldini vuole un vice Ibra: ecco i tre nomi sul taccuino

Corvino ha sistemato il bilancio, quindi l’anno prossimo si potrà ripartire con più serenità. Sono arrivati giocatori interessanti, che possono essere l’ossatura per la prossima stagione. A patto che non parta nessuno dei gioielli viola. A partire da quel Federico Chiesa, che da oggi è impegnato a Coverciano con la Nazionale di Gigi Di Biagio. Questo in essere deve essere l’anno zero per la Fiorentina. Un anno che sia di ripartenza per tutto il mondo viola. La scomparsa di Astori è stato uno straordinario momento di aggregazione per tutta Firenze. La memoria del capitano viola deve essere onorata con una squadra che renda orgogliosi tutti i tifosi viola. Magari si potrà cominciare seriamente a parlare del nuovo stadio, che potrebbe portare il nome di Davide Astori. Con o senza i Della Valle Firenze deve tornare grande. Come il suo capitano.

  •   
  •  
  •  
  •