Serie A, accordo tra FIGC e CTS: solo positivo in isolamento e quarantena ridotta a 4 giorni

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui

Il campionato di Serie A non si fermerà di nuovo e potrà proseguire con più tranquillità. A poche ore dalla semifinale di Coppa Italia tra Juventus e Milan e alla ripresa del calcio italiano, finalmente è arrivato l’accordo tra FIGC, Comitato tecnico scientifico e Governo che obbliga all’isolamento soltanto il nuovo contagiato e riduce i tempi della quarantena. Adesso, in caso di un nuovo positivo in società, non sarà più l’intera squadra a dover andare in quarantena per 14 giorni, ma sarà solo il calciatore o membro dello staff risultato positivo al Coronavirus a dover restare in isolamento per due settimane, mentre il resto della squadra andrà in ritiro per 4 giorni (come aveva già anticipato ieri il dottor Vannicelli) e verrà sottoposta a tampone per vedere se ci sono altri contagi. Inoltre, il giorno della partita, i calciatori negativi faranno un test rapido con responso che arriverà nel giro di 3/4 ore: se risulteranno negativi anche al tampone rapido, potranno scendere in campo.
Grazie a questa modifica della modalità della quarantena, il campionato di Serie A (ma anche quelli di Serie B e C) non dovrebbe più interrompersi: la quarantena di 14 giorni dell’intera squadra avrebbe rischiato di compromettere nuovamente l’andamento della competizione.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Udinese-Inter, Graziano Cesari difende Conte: "I quattro minuti di recupero? Maresca ne avrebbe dovuti dare 7"