Flavio Briatore non le manda a dire: “Pirlo? Dare Ferrari ad uno con foglio rosa…”

Pubblicato il autore: Emanuela Francini

Flavio Briatore
Flavio Briatore è uno dei personaggi più influenti e importanti del panorama italiano e mondiale. Ex manager della F1, in particolare della Renault, ha parlato ai microfoni de “La Politica nel Pallone“, in onda su Gr Rai Parlamento, e non le ha mandate certamente a dire. Nel programma condotto da Emilio Mancuso, ha parlato della Juventus e della situazione che sta vivendo, con una crisi che potrebbe portarla a non qualificarsi per la Champions League. Briatore ha contestato le scelte della società, capace di rompere una macchina che ha vinto nove scudetti di fila.

Flavio Briatore: “Alla Juventus serve Allegri”

Un fiume in piena, specialmente quando si tratta della Vecchia Signora, la sua squadra del cuore. Briatore ha fatto una analisi attenta su cosa è successo a Torino: “Avevamo una squadra che vinceva, magari non giocava così bene, non era calcio champagne, ma almeno vinceva. Hanno cambiato tutto, hanno preso Sarri che tutti sapevamo non fosse adeguato per la Juve. Poi hanno chiamato Pirlo, una scommessa: è come dare una Ferrari come prima macchina in mano a uno che ha solo il foglio rosa. In campo era un punto di riferimento, in panchina no“.

Leggi anche:  La lettera di addio di Agnelli ai dipendenti: le parole dell'ormai ex presidente della Juve

Parole forti di Briatore che poi ha continuato: “C’è stato un errore di valutazione, non me l’aspettavo. È dall’inizio del campionato che non vinciamo contro squadre molto inferiori a noi, abbiamo giocatori importanti ma non abbiamo un centrocampo“. Infine rimprovera la società su come si sono comportati con Massimiliano Allegri. Ora il suo nome continua ad essere in lizza per la panchina della Juventus. Ecco cosa ha detto: “È la conseguenza di scelte sbagliate come quella dell’allenatore e del modo in cui si sono comportati con Allegri. Quella squadra lì con qualche inserimento avrebbe potuto continuare a vincere, ma hanno voluto cambiare tutto e questo è il risultato“.

  •   
  •  
  •  
  •