Juventus, altra dormita in difesa: Kulusevski come con la Lazio

Pubblicato il autore: Alessandro Vescini Segui

Kulusevski
Il pareggio acciuffato in extremis nel derby della Mole, non salva la prestazione della Juventus. E non è più una novità vedere i singoli che risolvono situazioni problematiche. Con il Torino arriva l’ottavo pareggio stagionale, ma ciò che sorprende è la disattenzione in difesa. Tralasciando il primo goal, dove Szczesny poteva fare sicuramente meglio, la seconda rete subita è di una gravità impressionante. Dopo pochi secondi dall’inizio del secondo tempo, la disattenzione all’inizio dei tempi ha costato alla Juventus il passaggio in Champions League, Kulusevski sbaglia un retropassaggio, non memore del medesimo errore fatto durante la partita in casa con la Lazio. Da lì parte l’azione del goal del Torino. Anche in questo caso, Szczesny poteva fare di più. La maggior parte dei punti persi in campionato dalla Juventus sono stati causati da disattenzioni difensive. Nonostante sia la miglior difesa con 24 goal subiti, la poca concentrazione durante la fase difensiva ha cancellato i sogni del decimo Scudetto di fila.

Leggi anche:  Tensione Juventus, giocatori non tranquilli vista la situazione societaria

Kulusevski e i 35 mln spesi dalla Juventus

Ci sono luci e ombre nella prima stagione di Dejan Kulusevski alla Juventus. L’inizio di campionato dello svedese aveva fatto presagire un proseguo diverso. Affiancato come punta prima a Ronaldo, poi a Morata dopo la positività del portoghese, il nuovo ruolo d’emergenza affidatogli da Pirlo sembrava calzargli a pennello. Con il passare dei mesi, l’estro non bastava più e i goal di Kulusevski cominciavano a scarseggiare. Arrivati ad aprile è il momento di tirare le somme e fare i primi bilanci. I 35 milioni versati dalla Juventus nelle casse dell’Atalanta per assicurarsi il giovane svedese, per ora non hanno visto i frutti sperati. Considerando poi che durante la stessa sessione di mercato invernale 2020, il dg Fabio Paratici aveva ritenuto troppi i 30 milioni da spendere per assicurarsi il norvegese Haaland, allora in forza la Salisburgo, il presagio di un errore di valutazione comincia a venir fuori. La Juventus si ritrova nuovamente con il problema dell’attaccante e Kulusevski nemmeno da ala sta ripagando i soldi investiti per lui. Il suo potenziale è ancora alto e di certo si rivelerà un acquisto lungimirante. Ma in questo momento, in cui le casse bianconere sprofondano nel “rosso”, quei 35 milioni cominciano a pesare.

  •   
  •  
  •  
  •