Ziliani contro Maresca: “CR7 non espulso per un calcio in faccia a Cragno, a Ibra rosso diretto per proteste”

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

ziliani contro maresca
ZILIANI CONTRO MARESCA, CRITICHE PER L’ESPULSIONE AD IBRA: DIVERSO IL TRATTAMENTO PER CRISTIANO RONALDO E BUFFON – Se c’è di mezzo la Juventus, Paolo Ziliani è chiaramente sempre in prima linea per sferrare un attacco frontale ai bianconeri. Questa volta, però, tecnicamente la questione non riguarderebbe la Juve. Ieri, infatti, Zlatan Ibrahimovic è stato espulso per proteste durante Parma-Milan, quando si era sul risultato di 0-2 (il match è finito poi 1-3). Non è ancora del tutto chiaro cosa ha detto Ibrahimovic all’arbitro Maresca, ma in ogni caso è bastato per guadagnarsi l’espulsione. Il giornalista del Fatto Quotidiano, via Twitter, ha paragonato il trattamento riservato allo svedese con quello invece riservato a CR7 contro il Cagliari, oltre che alla squalifica per bestemmia di Buffon avvenuta dopo tre mesi. Ecco cosa ha detto Ziliani contro Maresca e le sue decisioni.

Leggi anche:  Cristiano Ronaldo resta alla Juventus, ecco i dettagli

Ziliani contro Maresca: “Per squalificare Buffon per una bestemmia servono 100 giorni, per espellere Ibra per una frase innocua basta un nanosecondo”

Ecco la prima critica rivolta dal noto giornalista anti-juventino Paolo Ziliani contro il direttore di gara di Parma-Milan Fabio Maresca:
Il calcio italiano è quella cosa che se #Ronaldo dà un calcio in faccia a #Cragno, #Calvarese non lo caccia e #Ronaldo continua a giocare e a segnare; se invece #Ibra (stupido eh!) dice una cosa all’arbitro, #Maresca lo caccia, la partita cambia, arriva la squalifica.
#ParmaMilan

Poi, subito dopo, spazio anche ad eventi più lontani nel tempo, come quelli legati a Inter-Juve 2-3 e alle polemiche sull’arbitraggio di Orsato:
In Italia abbiamo #arbitri che cacciano #Vecino dopo richiamo #VAR, che graziano #Pjanic nel silenzio del VAR e che 3 anni dopo dicono: “Ho sbagliato, ero troppo vicino all’azione” e nessuno si mette a ridere; e arbitri che cacciano #Ibra che dice “Sembra strano eh?”.
2006-2021.

Poi,  alla fine, ecco la bordata finale: Buffon, assente contro il Toro, fu squalificato per il derby dopo tre mesi dall’evento che avrebbe portato alla sua squalifica (ovvero la bestemmia in Parma-Juventus del 19 dicembre). Per espellere Ibra, invece, è bastato pochissimo:
La Serie A è quel campionato in cui per squalificare #Buffon (non espulso) per una bestemmia detta ad alta voce in uno stadio deserto occorrono 110 giorni, mentre per cacciare #Ibra per una frase innocua e sentita male (almeno si spera) all’arbitro occorre un nanosecondo.

  •   
  •  
  •  
  •