Chiariello: "Garcia salvato dalla squadra. De Laurentiis piccona il suo allenatore per poi rimotivarlo"

Il giornalista di Canale 21, Umberto Chiariello, ha scritto un editoriale dove ha commentato il trionfo del Napoli a Verona. Non sono mancati i giudizi riguardo l'atteggiamento di Rudi Garcia e il comportamento mantenuto dalla società partenopea in queste settimane

Giacomo Raspadori, attaccante del Napoli

Il giornalista Umberto Chiariello ha scritto un editoriale in cui ha commentato la vittoria di sabato pomeriggio del Napoli a Verona. Una partita che è terminata 3-1 in favore dei partenopei, e una risposta alle voci che si sono susseguite in settimane.

Chiariello, l'editoriale dove parla di Rudi Garcia alla guida del Napoli

Chiariello ha scritto sul trionfo: "Il Napoli dà le risposte che era normale aspettarsi. Dopo quindici giorni di via Crucis tra pantomime che ci hanno lasciato perplessi, ovvero De Laurentiis che piccona il suo allenatore per poi rimotivarlo a spese della stampa, rea di aver dato notizie false -  il tentativo di prendere mister Antonio Conte - che invece sono verissime. Diciamolo, è stata una pantomima abbastanza penosa, francamente, ma se tutto serve per ricompattare la squadra siamo anche noi giornalisti vittime sacrificali, ma si è superato davvero ogni limite".

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Stefan Schwoch: “Lukaku il dopo Osimhen, il Vicenza risorgerà. Su Torino, Venezia e lotta scudetto…”

Il Napoli sceso in campo a Verona è stato definito da Umberto Chiariello "squadra logica", che ha creato tantissimo. Se deve rimproverargli qualcosa sono l'aver sprecato delle occasioni per il KO definitivo. "Ha dominato, ha fatto vedere una classe superiore, ha messo in grande spolvero un Kvara che nell'uno contro uno è incontenibile", ha poi continuato. Gli scaligeri lo hanno fischiato miseramente alla sua uscita dal campo, cosa che invece non è accaduta a Napoli quando il pubblico ha visto grandi calciatori come Mancini, Totti...

Ottime le risposte individuali degli azzurri

L'editore ha apprezzato molto alcune risposte individuali come Mario Rui, la coppia Rrahamani-Natan, Cajuste. Ora si aspetta Lindstrom, che incida di più. Con Politano, Zielinski, Lobotka e il capitano Di Lorenzo però, gli azzurri hanno fatto capire di che pasta sono fatti e la loro grande voglia di combattere per non scucirsi quello scudetto dal petto tanto sudato e tanto voluto.

Leggi anche:  Intervista esclusiva a Stefan Schwoch: “Lukaku il dopo Osimhen, il Vicenza risorgerà. Su Torino, Venezia e lotta scudetto…”

Per quanto riguarda Garcia ha invece espresso: "È stato salvato dalla squadra più che da se stesso. Continua a fare errori di comunicazione gravi, continua a pensare che esistono amici e nemici. Pensasse a capire i suoi ragazzi, perché se li sa accompagnare invece di volerli violentare tatticamente per scucire lo scudetto a questo Napoli ci vuole ancora tanto. Intanto si va a Berlino e poi arriva il Milan, questa è la prima di tre risposte. Le altre devono essere di questo livello e tenore, perché il Napoli visto a Verona non è certo una squadra in disarmo”.