Covid-19, le parole di Berlusconi sulla ripresa

Pubblicato il autore: Alessandro Morana Segui

Questi sono giorni molti difficili per tutti. Tutte le attività hanno chiesto aiuti dallo Stato e al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, non di meno il mondo del calcio. Se le società e le squadre della Serie A e in parte della Serie B non avranno particolari problematiche, per le società, che militano in campionati della Lega dilettanti,  i problemi saranno molti. Ci sono squadre che molto probabilmente il prossimo anno non potranno iscriversi ai rispettivi campionati in qui militavano. Alcuni Presidenti di società lo hanno dichiarato attraverso comunicati stampa e interviste a vari giornali. Per risolvere e capire il problema in queste settimane si è chiesto il parere di personalità  che hanno o che hanno avuto a che fare con il mondo del calcio, come Silvio Berlusconi. Ieri, giorno 22 Aprile, il leader di Forza Italia è stato ospite del giornalista Bruno Vespa nel suo programma Porta a Porta. Il conduttore Rai ha chiesto a Berlusconi cosa ne pensasse della questione sulla ripresa del campionato e se fosse d’accordo o meno.

Le parole di Berlusconi da Vespa

Dopo alcune domande sugli scenari politici odierni e futuri, il conduttore ha chiesto al leader di Forza Italia una sua opinione. Berlusconi ha detto in chiamata dalla sua residenza nei pressi di Nizza:”Sono un uomo di sport e quindi non sarò io a sottovalutare il valore del calcio, però adesso mi sento di dire che calcio non è un’urgenza.  Meglio riparlarne dopo l’estate“.
Il neo presidente del Monza Calcio, che gioca nel campionato di Serie C e posizionato al primo posto, in modo molto diretto ha affermato la sua opinione contro la riapertura degli allenamenti e degli stadi dal 4 Maggio, proposta inizialmente come possibile giorno di riapertura dal ministro dello sport Spadafora a causa delle pressioni di molte società di calcio. Sicuramente la risposta di Berlusconi è stata abbastanza spiazzante, tanto che il conduttore ha continuato a chiedere alcune proposte per non fare morire alcune società per colpa della Crisi Covid-19.  In seguito Silvio Berlusconi ha continuato motivando la sua idea di non dover riaprire il campionato. Incalzato da un’altra domanda del conduttore, l’ex Presidente del Consiglio ha risposto:”Non credo che riaprire il campionato sia una soluzione, giocare a porte chiuse è triste e comunque c’è il contatto fisico dei giocatori”. Dopo alcuni secondi il conduttore di Porta a Porta ha dato la parola a Bobo Vieri, ex giocatore del Milan solo
per un breve anno. il Presidente e Bobo Vieri si sono sciambiati un saluto e delle parole di stima; infatti Silvio Berlusconi ha ricordato con grande piacere quel breve anno passato dal bomber in rossonero. Anche Vieri ha fatto una riflessione sulle varie squadre in cui ha giocato, ricordando molto bene la sua esperienza nell’Inter, durata ben 4 anni.
Infine il presidente Berlusconi ha salutato Vieri e il conduttore Bruno Vespa. Le sue parole sono state molto chiare e spostate verso un’idea di chiusura anticipata di tutti i campionati. Non tutti però sono d’accordo alla tesi dell’ex Premier e cercheranno in qualunque modo di far ricominciare i campionati il prima possibile.

Leggi anche:  Sampdoria strepitosa ad Empoli: 0-3 schiacciante, doppietta dell'ex Ciccio Caputo

 

 

  •   
  •  
  •  
  •