Roland Garros, Jannik Sinner batte Fratangelo all’esordio

Pubblicato il autore: Margot Grossi


L’esordio di Jannik Sinner al Roland Garros lo ha portato direttamente alla vittoria. In meno di due ore ha battuto lo statunitense Bjorn Fratangelo, con il risultato finale di 6-3, 6-2, 6-3. In seguito al trionfo, il tennista italiano ha commentato la gara, parlando del servizio svolto e di come sta lavorando sotto la nuova gestione di Simone Vagnozzi.

Roland Garros, Jannik Sinner e i suoi miglioramenti

Sul proprio turno di servizio: “Sicuramente è una parte in cui sono migliorato. Con alcuni giocatori non basta tirare forte, ancora ci sto pensando, ma sicuramente è un colpo che ho migliorato, ma l’obiettivo è migliorarlo ancora”.

Come altri atleti, la stagione di Jannik Sinner non è stata delle migliori sotto il punto di vista della condizione e dello stato di forma. Tuttavia, ad oggi l’azzurro annuncia di stare bene: “Fisicamente non mi preoccupo. Ad Indian Wells può capitare, a Miami ho avuto le vesciche. L’unico problema è stato Roma, dopo l’ultimo del primo set. Mi sento bene per il momento, voglio provare a conoscere campo e palle”. Il 20enne di San Candido dunque, è deciso e determinato a fare bene e pensa già alle prossime partite. Nonostante la giovane età, è già un campione, ma da sportivo ambizioso, vuole crescere ancora.

Leggi anche:  Nadal-Fritz, dove vedere Wimbledon 2022 LIVE oggi: diretta TV, streaming e orario

Situazione Wimbledon

Sulla decisione dell’ATP di non assegnare punti a Wimbledon, Sinner ha detto la sua, pur rimanendo di basso profilo: “La situazione è difficile. Ancora non ho la mia opinione, ma la nostra programmazione è giocare Halle, Eastbourne per conoscere la superficie e poi Wimbledon, così da fare qualche partita in più sull’erba”.

Il secondo turno attende Jannik Sinner

Il prossimo turno del Roland Garros, vedrà Sinner sfidare Roberto Carballés Baena (n.89 del ranking ATP). Riguardo il futuro incontro con lo spagnolo, l’altoatesino ha affermato: “Non mi sono mai allenato con lui, per cui sarà una palla nuova da imparare, una palla nuova da gestire”.

  •   
  •  
  •  
  •