Zanardi, fissata la data d’udienza. L’opposizione della famiglia

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui


Dopo un lungo periodo di silenzio, ritornano notizie su Alex Zanardi e l’incidente che lo ha visto coinvolto il 19 giugno 2020. Sul fronte giudiziario, la Procura di Siena ha chiesto l’archiviazione per l’autista Marco Ciacci, unico indagato della vicenda. Alla notizia dell’archiviazione, la famiglia dell’ex pilota, si è opposta, non ritenendo giusta la scelta.

La data dell’udienza è stata fissata per il 26 Maggio, al Tribunale di Siena. Qui il giudice dovrà decidere se accettare la richiesta di archiviazione, oppure far continuare le indagini. Il Gip sarà Ilaria Cornetti.

Per quanto riguarda i legali di Zanardi, invece, come già annunciato in precedenza, si opporranno alla richiesta della Procura di Siena, chiedendo ulteriori accertamenti sulla manovra compiuta dal camionista.

Zanardi, la perizia della Procura

Una richiesta che sicuramente ha lasciato interdetti la famiglia di IronMan. Come già emerso nelle precedenti settimane, secondo la procura, che ha analizzato i riscontri della perizia depositata dall’ingegner Dario Vangi e gli approfondimenti successivi, l’autista “viaggiava ad una velocità moderata e comunque ampiamente al di sotto del limite di velocità previsto su quel tratto di strada“. Inoltre Marco Ciacci “reagiva prontamente alla vista del ciclista mettendo in atto una manovra di emergenza per allontanarsi dalla linea di mezzeria e cercare di evitare l’impatto con l’handbike“.

Leggi anche:  Pallanuoto femminile, World League: stasera le semifinali Russia-USA e Ungheria-Canada

Come sta Alex

Mentre sul lato giudiziario finalmente si sta arrivando ad un punto d’arrivo, Alex Zanardi sta continuando la sua lotta. In questo momento si trova all’ospedale di Vicenza e, come rivelato anche dal figlio Niccolò, è cosciente già da alcuni mesi. Il quattro volte medaglia d’oro ai giochi paralimpici sta reagendo bene alle cure, ma la strada è ancora lunga. Servirà del tempo prima che Zanardi si possa dire uscito fuori dal tunnel. Per fortuna in questi mesi così drammatici non è mai mancato l’affetto della famiglia e dei suoi fan, che lo seguono in ogni suo passo. Inoltre è uscito anche un documentario sulla sua esperienza in BMW alla 24 ore di Daytona.

  •   
  •  
  •  
  •