Bergomi: “Le punte decidono le sorti. Sapete cosa manca al Milan?”

Pubblicato il autore: Margot Grossi


Al termine di Torino-Milan, Beppe Bergomi ha commentato negli studi di Sky Sport, il pareggio a reti bianche all’Olimpico Grande Torino.

Il telecronista si è soffermato in particolare sulla rosa dei rossoneri, spesso colpita anche dagli infortuni e ha sottolineato la pesante assenza del calciatore francese: “Rebić e Ibra sono due cambi offensivi che mancano, però il problema è che il Milan ha perso il giocatore più importante, Bennacer, che stava giocando bene e con qualità e che aveva trovato anche il gol a Cagliari. Ci sono state assenze importanti. Le punte decidono le sorti di un campionato: il Milan sta facendo fatica a fare gol”.

Bennacer, Rebić e Castillejo si sono assentati causa affaticamento muscolare, mentre per Ibra si è evidenziato un sovraccarico al ginocchio sinistro. Infatti per la partita contro i piemontesi, Stefano Pioli ha convocato in extremis anche Marko Lazetić, come alternativa a Oliver Giroud. Come confermato dall’allenatore, per la prossima partita, potrebbero tornare tutti o comunque la maggior parte di loro.

Leggi anche:  Serie C, dove vedere Fidelis Andria-Juve Stabia streaming live e diretta TV Rai Sport?

Ad aggiungersi allo spavento dei tifosi milanisti, l’uscita di ieri di Tomori nel finale, all’87’. Si è pensato subito ad un infortunio, ma Pioli ha chiarito sulle condizioni di Fikayo Tomori: “E’ solo stanco. Ha corso per tutta la partita e alla fine era stanco”. Nulla che possa far impensierire la squadra, dunque.

Il Milan fatica a fare gol, perché?

Poco più di un mese fa, in vista del Derby di Coppa Italia tra le due milanesi, Arrigo Sacchi aveva fatto il punto sulla precedente situazione delle milanesi.
Riguardo il Milan aveva espresso il suo punto di vista: “Il Milan soffre molto gli avversari ‘muscolari’, come l’udinese. Basa la manovra sulla rapidità, ma fa fatica a recuperare il pallone con il pressing, perché adesso, le distanze tra i reparti non sono corrette”.
Il Milan era partito con una stagione ottimale, tutt’ora è primo in classifica con ben 68 punti, sebbene sia un po’ in calo. Sacchi aveva fatto notare in ogni caso, come Il Diavolo stesse andando oltre le aspettative.

  •   
  •  
  •  
  •