Furiosa lite tra Dybala e Allegri, lo strappo è irreversibile: cosa è successo

Pubblicato il autore: Emanuela Francini


Nervi tesi in casa Juventus. Brucia ancora la clamorosa eliminazione in Champions League contro il Villarreal. Questa ha generato una pioggia di critiche sui principali giornali e social, non risparmiando nessuno. Il maggior indiziato, però, è sicuramente Massimiliano Allegri, mettendo in campo una squadra non capace di costruire il gioco e risultando molto lenta, con Vlahovic che più volte cercava l’inserimento, ma i compagni preferivano tornare indietro con il pallone. Atteggiamento non da Juve che inevitabilmente destabilizza l’ambiente, come dimostrato dalla furiosa lite tra Paulo Dybala e il tecnico livornese.

Strappo Dybala-Allegri, il motivo è l’orario dell’allenamento

Se da una parte l’uscita dalla Coppa dalle grandi orecchie ha infastidito, e non poco, Allegri, dall’altra parte c’è il rinnovo di Dybala che fa discutere. Gli ultimi aggiornamenti parlano di una Juventus che non vuole riconoscere il procuratore dell’argentino, rifiutandosi di discutere. Decisione che porta sempre più lontano la Joya da Torino. Questo mix di fattori è sfociata poi in una lite. Il motivo? L’orario di allenamento.

Leggi anche:  Consigli Fantacalcio, i giocatori da acquistare all'asta di riparazione: ecco top e sorprese!

Venerdì movimentato e non dei più sereni alla Continassa. All’origine di una lite che viene descritta come sufficientemente energica ci sarebbe stata la richiesta di Dybala, supportato da Cuadrado, di uno spostamento di orario per l’allenamento di oggi. Richiesta che Allegri non avrebbe preso per nulla bene.

Il tutto è stato riportato dalla Gazzetta. Oggi, vigilia di Juve-Salernitana, sarebbe previsto un mini-ritiro per la squadra che avrebbe dovuto dormire alla Continassa dopo l’allenamento di rifinitura. Alcuni giocatori, tra cui appunto l’argentino, che si sarebbe mosso anche in qualità di vice-capitano, avrebbe chiesto ad Allegri qualche ora in più di riposo e, di conseguenza, lo slittamento in avanti dell’orario dell’allenamento. La richiesta non solo sarebbe caduta nel nulla, ma avrebbe anche indispettito il tecnico, ancora scottato dall’eliminazione dalla Champions a opera del Villarreal e sempre pronto a prendere le difese di Dybala quando anche, come in questo momento, la distanza tra il giocatore e la Juventus va via via allargandosi.

  •   
  •  
  •  
  •