Marco Rossi: “Milan rischia alta pressione. Date tempo a De Ketelaere. Giroud impressionante”

Pubblicato il autore: Margot Grossi

Marco Rossi, allenatore italiano e Commissario tecnico dell'Ungheria
Il Commissario tecnico dell’Ungheria Marco Rossi ha rilasciato delle dichiarazioni a Milan News, toccando vari temi.

Ecco il suo pensiero dopo lo scudetto vinto dal Milan la scorsa stagione: “Non essendo all’interno delle dinamiche, da così lontano, è difficile che possa dare una ricetta o un’interpretazione. Può darsi pure che è venuta un po’ meno la leggerezza che c’era l’anno scorso. La leggerezza nel senso che, essendo una squadra giovane con tantissimi talenti, magari l’anno scorso la vivevano in maniera più spensierata. E quest’anno invece, avendo vinto un campionato, si devono riconfermare e magari c’è una pressione leggermente diversa, anche se comunque, quando giochi nel Milan, quando scendi a San Siro la pressione è sempre altissima“.

Marco Rossi si sbilancia su alcuni calciatori del Milan

Sulla questione degli infortunati, con cui ha dovuto fare i conti Stefano Pioli: “Direi che è un mix di cose. Ovviamente se non si ha i giocatori a disposizione, e alcuni tra questi sono ed erano fra i migliori, diminuiscono ovviamente le possibilità di rotazioni e di cambio. E senza la qualità dei giocatori non vai da nessuna parte. Il fatto che possa mancare qualcuno anziché qualcun altro conta parecchio. Poi può anche darsi che qualcuno dei nuovi acquisti tipo De Ketelaere forse si sperava potesse integrarsi e adattarsi prima e meglio. Per il belga ci vorrà del tempo, bisognerà semplicemente aspettarlo, ma credo che il Milan abbia la consapevolezza e capacità di aspettare i talenti sui quali ha investito. Io principalmente credo nella grande professionalità e competenza del duo Maldini-Massara. Se loro hanno puntato su questi giocatori, c’è semplicemente da dargli fiducia”.

Leggi anche:  Serie A: Monza-Sampdoria, le probabili formazioni

Un giocatore in particolare che ha colpito molto l’allenatore Marco Rossi: “Giroud mi ha sorpreso in positivo perché di lui erano state dette tante cose. Si diceva che era già sul viale del tramonto e che non aveva il sangue agli occhi. Invece sta dimostrando, numeri alla mano, di essere ancora un centravanti di altissimo profilo e motivatissimo per aiutare il Milan a raggiungere i suoi obiettivi. Ha fatto gol importantissimi di ottima fattura, da centravanti vero. In positivo, rispetto alle critiche, direi di sottolineare le sue prestazioni“.

  •   
  •  
  •  
  •  

Leave A Response