Inter, strappo decisivo per lo scudetto

Pubblicato il autore: Mattia Dalmazio Segui

Una marcia perentoria che non presta attenzione alla vacuità delle dimostranze legate al gioco dell’Inter che manifesta alla stregua di un vero e proprio rullo compressore, la trasformazione calcistica di Antonio Conte in un progetto che ha posto le basi un anno e mezzo fa in maniera talmente solida da non essere minimamente intaccata dalle difficoltà economiche che hanno scandito i momenti più complessi della stagione in corso e così nonostante il mantra del tecnico nerazzurro “testa bassa e lavorare” e c’è ancora voglia di alzarla quella testa per godersi il percorso ma soprattutto per pianificare il futuro. Una delle certezze che la contraddistinguono  l’alta classifica è legata alla permanenza della guida tecnica della capolista anche nella prossima stagione suffragata dalle scelte di mercato illuminate che garantiscono una rosa solida, affidabile e vincente anche in prospettiva, aldilà di Handanovic e probabilmente di Perisic il resto dell’undici titolare dell’Inter è destinato a migliorare il proprio rendimento negli anni a venire con la prospettiva di aprire un ciclo con il supporto degli investimenti sul mercato che la proprietà cinese dovrà essere in grado di sostenere sulla sinistra e in porta. Le somiglianze con il lavoro portate un decennio fa al termine dal tecnico salentino con la Juventus sono decisamente parecchie e così una volta scesi da rullo del martello compreso è ora di armarsi di ago e fili e di iniziare a cucire un tricolore che è destinato a cambiare colori sul proprio sfondo.

Leggi anche:  Gara 5 Olimpia Milano-Bayern Monaco: streaming e diretta tv Eurosport? Dove vedere Eurolega

Cagliari nel mirino per l’undicesima vittoria consecutiva …

In vista del match contro il Cagliari in programma domenica 11 aprile alle 12:30, il tecnico salentino dovrà fare alcune scelte di formazione, in primis l’assenza di uno dei grandi ex della partita Nicolò Barella fermato da un turno dal giudice sportivo. Torneranno dal  primo minuto Bastoni e Brozovic, assenti per squalifica contro il Sassuolo , mentre in mezzo al campo per sostituire Barella ci sarà il ballottaggio Gagliardini – Vecino, con l’ex Atalanta favorito mentre Vidal e Sensi partiranno dalla panchina. In attacco Sanchez cerca un posto da titolare anche se Conte non vorrà fare a meno di Lukaku e Lautaro Martinez

  •   
  •  
  •  
  •