Milan: Ibrahimovic è rientrato in Italia

Pubblicato il autore: Danilo De Falco Segui

Il Milan può riabbracciare Zlatan Ibrahimovic: lo svedese è rientrato in Italia. Con un volo privato dalla Svezia, Ibracadabra è atterrato a Malpensa intorno alle ore 18:30 di oggi, lunedì 11 maggio. Ibra era partito per la Svezia lo scorso 12 marzo e ha passato i due mesi di quarantena nel suo paese natale. Nonostante la quarantena, Zlatan non è stato con le mani in mano: l’attaccante classe ’81 si è allenato con l’Hammarby, squadra svedese di cui è il co-proprietario. Adesso, dovrà rispettare le due settimane di isolamento previste per tutti coloro che arrivano in Italia dall’estero: è già pronta per lui una camera nel centro sportivo di Milanello, per dargli anche la possibilità di svolgere gli allenamenti individuali. Dopo le due settimane di isolamento (quindi per il 25 maggio), Ibrahimovic sarà sottoposto al tampone e, se il test darà esito negativo, potrà ricominciare ad allenarsi insieme ai compagni di squadra.

Ibrahimovic-Milan: sarà addio a fine stagione?

Per quanto riguarda il futuro di Ibrahimovic, il Milan continua a lavorare per convincere il campione svedese a restare a Milano almeno per un altro anno. Finita la quarantena forzata, l’attaccante di Malmö si incontrerà con Ivan Gazidis per discutere del proprio futuro. Nonostante le parole di Zlatan dei giorni scorsi (lo svedese ha dichiarato di voler rispettare il contratto), l’allenatore dell’Hammarby, Jesper Jansson, non ha nascosto il desiderio di vedere Ibra con la maglia della squadra che lo ha ospitato nel corso di questa quarantena.
Il futuro di Ibrahimovic è ancora in bilico e un quadro completo della situazione lo si potrà avere solo dopo il 25 maggio, data in cui finirà il suo periodo di isolamento.

  •   
  •  
  •  
  •