Allegri: “Non mi sento a rischio, mancano molti giocatori”

Pubblicato il autore: Margot Grossi


La seconda sconfitta per la Juve in Champions League, preceduta dai due pareggi in campionato, sta mettendo in bilico il futuro di Massimiliano Allegri sulla panchina bianconera.

La disfatta dell’Allianz Stadium contro il Benfica per 2-1 è la rappresentazione di una Juve senza gioco e senza idee, guidata da un uomo che troppo spesso cerca delle giustificazioni, anziché assumersi le proprie responsabilità e cercare di cambiare le cose. Proprio per questo motivo, il giornalista e opinionista Raffaele Auriemma gli scorsi giorni ha svelato quello che potrebbe essere il futuro di Allegri, citando una clausola che potrebbe mandarlo via dalla Juventus.

Per la prima volta, Max Allegri è stato apertamente contestato. Il tecnico bianconero è finito ulteriormente nel mirino dei tifosi, questa volta presenti alla brutta partita. Se fino a ieri pomeriggio c’era ancora qualcuno a sostenerlo e a difenderlo, a credere ancora in lui, da ieri sera le difese sono venute meno.

Leggi anche:  Inter-Salisburgo 4-0, magia a Malta! Mkhitaryan scatenato, segnano anche Acerbi e Carboni

Il commento di Allegri post partita

Una cosa certa, è che nell’ambiente juventino in questo momento non si respira aria serena. Lo ha mostrato il Vice Presidente Pavel Nedved con un’intervista a Sky Sport e lo ha confermato lo stesso Allegri nel post partita di Champions: “Non è semplice spiegare quanto accaduto, ma dopo il 2-1 la gara è finita. La prestazione sarebbe stata brutta anche in caso di pareggio. Non mi sento a rischio, questi momenti fanno parte del calcio. Sono momenti difficili, credo sia la prima volta che questa squadra perde due partite di fila in Champions League. Adesso non serve parlare, ma solo lavorare e pensare al campo. Alla squadra ho detto che nel calcio questi momenti capitano e bisogna uscirne da collettivo. In Champions è dura, ma non è chiusa. Capisco il momento di difficoltà che vive la squadra; in queste situazioni basta concedere un rigore per cambiare tutto“.

Leggi anche:  Calciomercato Inter: dalla cessione alla permanenza in nerazzurro, decisione presa dai nerazzurri

Alla domanda su una possibile preoccupazione, Allegri ha risposto: “Non dobbiamo pensare alle preoccupazioni, bisogna solo fare. È normale che le aspettative sono alte. Dobbiamo anche considerare che mancano molti giocatori, questo non può non essere considerato. Ora in Champions è molto complicato, bisogna lavorare con serenità e con responsabilità. Adesso domenica abbiamo un’altra partita di campionato, dobbiamo cercare di chiudere al meglio questa prima parte di stagione”.

  •   
  •  
  •  
  •  

Leave A Response